GULF OF POETS

Terra di focaccia, pesto e porti ma soprattutto terra del “Mugugno“. È proprio questa caratteristica che descrive questa magnifica zona d’Italia, la Liguria. Non potrò mai dimenticare un mio caro amico di università noto per le sue arrabbiature con successive maledizioni facili!
Ovviamente (si scherza?) e si parla di bellezze. La Liguria è una delle regioni d’Italia che preferisco per una ragione in particolare: ha il mare contornato da montagne e colline, praticamente un fritto misto dal gusto soave…

Non solo quello naturalmente, c’è il pesto più famoso d’Italia e del mondo perché se il ragù originale appartiene a Bologna, il pesto non possiamo che attribuirlo alla Liguria… E poi ci sono le focacce e il buon pesce, in particolare non si può non parlare dei “muscoli” spezini, ovvero le “loro” cozze. Insomma ce n’è per tutti i gusti.

Non finisce qui perché la Liguria è soprattutto una terra da scoprire ed i paesaggi mozzafiato che si presentano davanti agli occhi fanno pensare subito ad un rapido cambio di residenza.

Si va in Liguria e il primo pensiero va alle 5 terre, che poi in realtà saranno almeno una decina di terre se vogliamo, tutte di straordinaria bellezza. Infatti lungo il tragitto La Spezia-Genova ci si trova di fronte a una miriade di luoghi indimenticabili a partire dalle più blasonate Monterosso e Vernazza sino a giungere alle meno conosciute Sestri Levante, Portovenere e Lerici. È su queste ultime due che vorrei spendere due parole.

Portovenere e Lerici si trovano nel golfo di La Spezia e costituisco il cosiddetto “Golfo dei Poeti“. Poeti del calibro di Lord Byron ma anche scrittori e pittori, quindi più golfo degli artisti direi…

Sono posti di rara bellezza e sicuramente meritano una visita tra spiagge, acque cristalline e montagne a strapiombo sul mare.

Intanto mi godo la mia bella focaccia con pesto e pomodorini ed una bella birra guardando questo splendido tramonto che ho trovato al mio arrivo. Ho sempre pensato che il colore dell’acqua fosse il mio preferito, ma anche quello del cielo non scherza.

Guardando le scarpe lanciate sulla sabbia cerco un motivo per restare, una qualche forza che mi costringa a restare… Arrivederci anche a te poeta che questa terra hai calpestato.

Come arrivare: Lerici e Portovenere sono facilmente raggiungibili in auto con l’autostrada A15 uscita La Spezia e proseguendo sulla SP331. Le indicazioni saranno ben visibili in tutta l’area di La Spezia. In treno arrivare a La Spezia e proseguire in autobus destinazione Lerici o Portovenere.

Cosa vedere a Lerici: nel caso di Lerici, una menzione riguarda assolutamente il lungomare di sabbia fine ed acque molto gradevoli e cristalline da cui è possibile scorgere il castello. Attraversando il borgo di Lerici, giungerete al castello e vi troverete davanti l’immensa distesa del mar Ligure, paesaggio mozzafiato. Merita anche un aperitivo in uno dei bar tipici del molo.

Cosa vedere a Portovenere: innanzi tutto è molto gradevole la camminata per il lungo mare che vi accompagnerà alla chiesa di San Lorenzo e al Castello Doria. Da lì vedere la grotta di Byron sulla scogliera. Salendo sulla parte alta del borgo è possibile avere una panoramica sull’intero e bellissimo golfo dall’alto. Vi è inoltre la possibilità di fare un giro sull’isola Palmaria che si trova di fronte e a poche centinaia di metri dal molo di Portovenere.

4 Thoughts

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...